Sanità Penitenziaria – La salute delle donne nelle carceri

Agorà Penitenziaria 2021: XXII Congresso Nazionale della SIMSPe (Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria)

Il sistema carcerario è estremamente complesso, solo considerando che ogni anno vi transitano oltre 100.000 persone. Il COVID-19 l’ha messo a dura prova, ma, nonostante i timori iniziali, non ha provocato conseguenze significative, inducendo a rifocalizzare l’attenzione su altre malattie, in particolare mentali e infettive.

Al 31 Gennaio 2021 la popolazione femminile nelle carceri costituiva il 4,2% di quella complessiva, pari a 2.250 unità totali. Una componente minoritaria, ma in crescita e soprattutto con numeri più elevati degli uomini riguardo alle patologie. È quanto è emerso da uno studio ancora in corso, i cui risultati preliminari sono stati presentati in occasione dell’Agorà Penitenziaria 2021 – XXII Congresso Nazionale della SIMSPe.

Donne in carcere: i numeri dell’epatite C – ROSE (Rete dOnne SimspE) ha condotto uno studio sulle infezioni da HIV e HCV in donne detenute in diverse carceri italiane. ROSE è un network genere-specifico di SIMSPe sulla salute delle donne carcerate, coordinato da Elena Rastrelli. Hanno preso parte a questo studio 5 istituti penitenziari di 4 diverse regioni, corrispondenti al 10% della popolazione femminile detenuta. I risultati, ancora preliminari, sono i più significativi mai prodotti a livello di popolazione femminile nelle carceri, come di seguito dettagliato.

Elena Rastrelli, UOC Medicina Protetta-Malattie Infettive, Ospedale Belcolle, Viterbo.

Per quanto riguarda l’epatite C, in accordo con i dati del Ministero della Salute, le donne incarcerate hanno probabilità doppia rispetto agli uomini e 14 volte maggiore rispetto alla popolazione generale, di contrarre l’infezione. Le donne rappresentano una popolazione complessa da raggiungere, sparsa su tutto il territorio nazionale e spesso legata a storie di tossicodipendenza e prostituzione.

Da Novembre 2020, sono state ammesse allo studio 156 donne detenute. Di queste, 89 (il 57%) sono italiane (età media: 41 anni); 28 di loro (il 17,9%) facevano uso di sostanze stupefacenti per via endovenosa. Su 134 è stato effettuato uno screening con l’innovativo test salivare per l’HCV, mentre per le altre è stato fatto per via endovenosa. I dati emersi sono stati eloquenti: la siero-prevalenza di HCV ha riguardato il 20,5%, una cifra leggermente superiore rispetto alla prevalenza riportata nella letteratura internazionale più recente, nonché di due volte superiore rispetto al 10,4% del genere maschile. Inoltre, le donne avevano un’infezione attiva in oltre il 50% dei casi.

Considerato che la maggior parte delle pazienti risultate positive è stata colta di sorpresa, è evidente la necessità di un intervento mirato sulla popolazione femminile delle carceri, tanto più che attualmente per l’epatite C esistono terapie in grado di eradicare definitivamente il virus in poche settimane e senza effetti collaterali, come ricorda Vito Fiore, Infettivologo presso l’Unità Operativa di Malattie Infettive e Tropicali, di Sassari. Un altro dato interessante riguarda i pazienti co-infetti. Su 84 detenuti maschi trattati con il progetto di microeradicazione dell’HCV, solo 3 erano positivi anche all’HIV. Tra le donne trattate nell’ambito di questo progetto, invece, quelle positive anche al virus che causa l’AIDS erano ben il 25%. Inoltre, se tra gli uomini non si sono osservati casi di epatite B, tra le donne ben 5 (il 21%), erano portatrici anche di questo virus. E’ possibile dedurre che in carcere le donne sono più esposte degli uomini alle co-infezioni.

Sergio Babudieri, Direttore Scientifico SIMSPe

Il numero limitato di donne detenute dovrebbe incentivare una maggiore attenzione, ulteriori servizi, una gestione sanitaria proattiva. Questo è quanto auspica Sergio Babudieri, Direttore Scientifico SIMSPe. In alcune carceri le donne sono poche decine di persone: in queste situazioni è possibile migliorare la sanità penitenziaria, intervenendo proattivamente ed evitando che sia la detenuta a chiedere aiuto, o ancor peggio commetta un gesto autolesionista.

Oltre alle malattie infettive, quelle psichiatriche rappresentano un importante problema di sanità penitenziaria. Mentre la diagnosi di malattia mentale è codificabile in modo standardizzato, il disagio mentale va differenziato. Questo è una chiara reazione all’arrivo in carcere, come risposta al difficile adattamento alla nuova condizione di vita. Occorre anche considerare i tossicodipendenti, chi è affetto da disturbi pregressi, chi è posto in un contesto difficile e inedito. E’ necessaria una distinzione tra malattia mentale (schizofrenia, o paranoia) e disagio: la prima esige il supporto specialistico e la terapia adeguata, il secondo è la risposta alla privazione della libertà (di per se’ uno stress gravissimo), da parte di una persona con problemi di base (depressione, tossicodipendenza…). Sono questi problemi a “fare più notizia”, perché danno luogo a maggiore aggressività, minore tolleranza alla frustrazione, alle regole, alla coabitazione forzata. Le due situazioni richiedono un trattamento chiaramente distinto, ciascuna con le rispettive modalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.