Il COVID-19 in Pediatria: l’esperienza cinese

E’ stata condotta un’analisi retrospettiva su bambini ricoverati a Wuhan, in Cina.

Dal 7 gennaio al 15 gennaio 2020, sono stati arruolati un totale di 366 bambini (≤16 anni di età) ricoverati in tre sezioni dell’ospedale Tongji per infezioni respiratorie.

I patogeni più frequentemente rilevati nei 366 bambini sono stati:

  • virus dell’influenza A = 23 pazienti (6,3%);
  • virus dell’influenza B = 20  Pazienti (5,5%]),
  • SARS-CoV-2, il virus di COVIDd-19, in 6 pazienti (1,6%).

L’età media dei 6 pazienti era di 3 anni (intervallo da 1 a 7).

Tutti i 6  bambini, in precedenza, erano completamente sani.

Le caratteristiche cliniche comuni hanno incluso:

  • febbre alta (> 39 ° C) (in tutti i 6 pazienti);
  • tosse (in tutti i 6 pazienti);
  • vomito (in 4 pazienti).

Le indagini di laboratorio hanno mostrato che i livelli di linfociti, globuli bianchi e neutrofili erano al di sotto del range di normalità rispettivamente in sei, quattro e tre pazienti.

Quattro dei sei pazienti presentavano polmonite, valutata mediante TAC che mostrava i tipici aspettii della polmonite virale.

Un bambino è stato ricoverato nell’unità di terapia intensiva pediatrica e ha ricevuto immunoglobuline in pool da donatori sani.

Tutti i pazienti sono stati trattati empiricamente con agenti antivirali, antibiotici e terapie di supporto.

Tutti i pazienti sono guariti dopo il ricovero in ospedale della durata mediana di 7,5 giorni (intervallo da 5 a 13).

Questo studio ha dimostrato che COVID-19 si è manifestato anche nei bambini, causando malattie respiratorie da moderate a gravi.

Nessuno dei pazienti o dei loro familiari aveva avuto un’esposizione diretta al mercato all’ingrosso di frutti di mare di Huanan (il luogo iniziale a cui erano collegati i casi di COVID-19) o tra loro.

Vale la pena ricordare che, inaspettatamente, è stato trovato un caso di COVID-19 in un paziente residente fuori Wuhan; in questo paziente la malattia ha esordito il 2 gennaio 2020. Il paziente e la sua famiglia erano residenti nell’area di Yangxin di Huangshi e non avevano viaggiato fuori città nel mese prima dell’inizio della malattia. Per questo paziente non è stata identificata la fonte dell’infezione.

Questi risultati indicano che nei bambini le infezioni da SARS-CoV-2 si stavano verificando già all’inizio dell’epidemia.

Fonte:
Liu W, Zhang Q, Chen J, Xiang R, Song H, Shu S, Chen L, Liang L, Zhou J, You L, Wu P, Zhang B, Lu Y, Xia L, Huang L, Yang Y, Liu F, Semple MG, Cowling BJ, Lan K, Sun Z, Yu H, Liu Y. Detection of Covid19 in Children in Early January 2020 in WuhanChina. N Engl J Med. 2020 Mar 12. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.