Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e bloccanti del recettore dell’angiotensina: relazione con la diagnosi e con la mortalità da COVID-19

È stato ipotizzato che gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACEI) e i bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB) possano rendere i pazienti più sensibili al COVID-19 e peggiorare gli esiti attraverso la up-regulation del recettore funzionale del virus.

Questo studio retrospettivo ha utilizzato i dati del registro amministrativo nazionale danese di 4480 pazienti con COVID-19 per esaminare gli effetti degli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACEI) e dei bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB).

Dei pazienti inclusi, sulla base di dati di prescrizione, il 20,0% (895 pazienti) sono stati classificati come utenti di ACEI/ARB.

Nell’analisi dei dati, la percentuale di pazienti deceduti entro 30 giorni non era significativamente diversa tra il gruppo ACEI/ARB e il gruppo non utente.

L’analisi caso-controllo che ha confrontato i pazienti con ipertensione con e senza COVID-19 non ha trovato alcuna associazione tra l’incidenza di COVID-19 e l’uso di ACEI/ARB rispetto ad altri farmaci antiipertensivi.

Questi risultati forniscono ulteriori rassicurazioni sul fatto che i pazienti possono tranquillamente continuare ad assumere farmaci ACEI/ARB durante la pandemia di COVID-19.


Fonte:
Fosbøl Emil L. ,  Butt Jawad H,  Østergaard Lauge, et al.
Association of Angiotensin-Converting Enzyme Inhibitor or Angiotensin Receptor Blocker Use With COVID-19 Diagnosis and Mortality. JAMA. Published online June 19, 2020. doi:10.1001/jama.2020.11301

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.