20 Maggio: Giornata Mondiale delle api

Ieri è stato il World Bee Day, la Giornata Mondiale delle api, uno degli insetti più amati all’uomo ma anche tra i più minacciati.

Istituita, infatti, nel 2017 con un accordo fra 115 Stati membri delle Nazioni Unite, la Giornata Mondiale delle Api si celebra il 20 maggio.

Il ruolo delle api è fondamentale per la vita dell’uomo perché grazie alla loro funzione di impollinatori è possibile la riproduzione delle specie vegetali e quindi della frutta e della verdura che arriva sulle nostre tavole: la percentuale di impollinazione dei frutteti da parte delle api è almeno del 75%, quasi 8 meleoperesu dieci che mangiamo, quindi, derivano dal loro lavoro.

I principali prodotti delle api sono:

  • miele,
  • pappa reale,
  • propoli,

La propoli è un composto resinoso che le api raccolgono dalle gemme e dalla corteccia delle piante; si tratta di una sostanza di origine prettamente vegetale anche se le api, dopo il raccolto, la elaborano con l’aggiunta di cera, polline ed enzimi prodotti dal loro stesso organismo. Grazie alle sue caratteristiche chimiche nell’uomo è principalmente utilizzata come antisettico e cicatrizzante.

Le cause che attualmente rendono difficile la vita delle api e ne minacciano la sopravvivenza sono:

  • i cambiamenti climatici: precipitazioni con bombe d’acqua oppure lunghi periodi di siccità fanno calare le produzioni perché distruggono i fiori dai quali le api prendono il nettare e lo trasformano in miele.
  • la vespa velutina, un calabrone killer che uccide le api per nutrirsi unicamente delle proteine contenute nei muscoli delle zampe posteriori. Arrivata nel 2004 dalla Cina in Francia e da qui penetrata nell’Italia settentrionale questo temibile predatore dei nostrani e laboriosi insetti si è rapidamente spostato verso sud per arrivare, in pochi anni, passando lungo la costa, fino alla Toscana.
  • gli avvelenamenti da pesticidi e da pratiche agricole scorrette che provocano ogni anno la morte di migliaia di alveari.

Tuttavia fra gli apicoltori c’è ottimismo, almeno per quanto riguarda il rispetto per le api, visto che negli ultimi anni il numero di professionisti e hobbisti è molto cresciuto assieme alle campagne di sensibilizzazione al rispetto dell’ambiente e all’importanza di questi piccoli insetti per la nostra vita. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.