Uomo, virus e occhio

I virus hanno sempre fatto parte dell’esperienza umana, molto spesso in un delicato equilibrio, altrimenti i virus e il loro ospite umano si sarebbero estinti.
Ma questa relazione non è particolarmente stabile. Come tutti gli esseri viventi, i virus mutano, a volte in modi che causano malattie esplosive e gravi.

Focolai virali hanno ucciso praticamente intere popolazioni, come è accaduto quando il morbillo è stato introdotto per la prima volta nella popolazione dei nativi delle Isole Faroe o quando gli europei hanno portato il vaiolo nel Nord America.

L’umanità, nel suo insieme, è sopravvissuta all’evoluzione delle minacce virali evolvendosi con esse: infatti una precedente esposizione a virus produce vari gradi di resistenza (immunità) nei confronti di nuovi ceppi.

Gli umani con meno resistenza muoiono, spesso nonostante i moderni interventi medici, mentre altri rimangono completamente asintomatici.

Gli interventi medici (principalmente i vaccini) e le severe misure di salute pubblica hanno spesso alterato l’esito, ma non necessariamente in modi prevedibili.

L’ultima “grande” pandemia fu la pandemia di influenza del 1918 che uccise circa 20-50 milioni di persone in tutto il mondo. La sua diffusione fu potenziata dai movimenti delle truppe durante la prima guerra mondiale. I giovani, forse a causa della loro più forte risposta immunitaria, furono colpiti in modo sproporzionato, morendo per eccessivo essudato polmonare.

A metà marzo 2020, l’Organizzazione mondiale della sanità ha proclamato l’ultima epidemia, definita COVID-19, una pandemia globale.

Il Presidente degli Stati Uniti ha dichiarato un’emergenza nazionale, e tutta l’Italia è bloccata per contenere la sua diffusione. Il suo corso e la sua durata futuri rimangono sconosciuti. Le stime della mortalità per caso vanno dall’1% al 5% (10-50 volte il tasso di mortalità dell’influenza stagionale, sebbene il tasso reale sarà noto solo quando avremo condotto surveys  sui sieri per determinare la frequenza delle infezioni asintomatiche); gli anziani hanno il massimo rischio di malattia grave e di morte.

Il trasporto aereo moderno ha facilitato la diffusione globale entro pochi mesi dalle sue origini nella provincia di Hubei, in Cina.

Wu et al. hanno esaminato la congiuntiva di 38 pazienti ricoverati in ospedale nella provincia di Hubei, in Cina, con il presunto COVID-19. La congiuntivite era presente in 12 (32%) ed era più evidente e grave nei pazienti più malati.

Il virus era rilevabile in tamponi della congiuntiva di 2 su 11 pazienti testati (18%). Questi 2 hanno anche prodotto risultati positivi sul tampone rinofaringeo (100%), mentre solo 28 dei 38 pazienti (74%) lo hanno fatto. Non sono stati studiati altri parametri oculari.

L’importanza primaria di questa scoperta è epidemiologica: conferma altre segnalazioni secondo cui il virus può invadere la congiuntiva, che a sua volta potrebbe fungere da fonte della sua diffusione.

Il contenimento della diffusione virale è il mezzo principale con cui proteggiamo le persone e le popolazioni dalle infezioni emergenti.

L’influenza stagionale è ridotta al minimo (anche se raramente contenuta) da un sistema globale che tiene traccia dei nuovi ceppi emergenti e li utilizza per sviluppare vaccini meglio se abbinati (di efficacia variabile) .

L’epidemia di SARS del 2010, causata da un altro coronavirus, è stata una pallottola che abbiamo evitato. Altamente letale, molto più che COVID-19, non era altrettanto trasmissibile. Questo spiega perché quelli a più alto rischio di infezione fossero i lavoratori ospedalieri, che erano in stretto contatto con i pazienti infetti, e perché vigorose procedure di contenimento erano in grado di mitigare quella che altrimenti sarebbe diventata una pandemia disastrosa.

La Cina, dove il virus si è trasferito per la prima volta dal suo serbatoio naturale di animali (generalmente ritenuto i pipistrelli) agli esseri umani, ha subito un’epidemia esplosiva contenuta in gran parte con rigorose misure di quarantena (con oltre 80.000 casi clinici e 3180 decessi). Ma il resto del mondo ha fatto ben poco per anticipare e contenere la sua introduzione e diffusione locale fino a quando è diventata una pandemia. Un contenimento efficace richiede una comprensione della modalità di trasmissione di un virus e un uso rapido e vigoroso di interventi appropriati progettati per fermarlo. Sfortunatamente, questa è una lezione dimenticata.

La scienza biomedica ci ha fornito difese antimicrobiche sempre più efficaci dagli antibiotici ai vaccini. Ma i microbi si evolvono continuamente; le nostre difese devono evolversi con loro. Il potere dei vaccini e degli antimicrobici suscita ripetutamente un falso senso di sicurezza: nel 1967, l’allora chirurgo generale William H. Stewart assicurò al Congresso: “È tempo di chiudere il libro sulle malattie infettive“.

Continuiamo a fare lo stesso errore: sottovalutare la minaccia di nuovi agenti infettivi e non attuare gli interventi di sanità pubblica con la rapidità e la forza necessarie.

Ironia della sorte, le prime grida di allarme sul COVID-19 furono fatte dal Dottor Li Wenliang, un oculista cinese che si prendeva cura dei pazienti a Wuhan. Ha guadagnato l’ira del governo cinese per aver avvisato il pubblico e chiesto un intervento. È morto a 34 anni di età per questa malattia.

Non sappiamo se sia infettato per il contatto con gli occhi di un paziente.

Fonte:
Alfred Sommer. Humans, Viruses, and the Eye—An Early Report From the COVID-19 Front Line. jAMA Ophthalmol. Published online March 31, 2020. doi:10.1001/jamaophthalmol.2020.1294

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.